Come nutrirsi durante la gravidanza

come nutrirsi durante la gravidanza

Oggi bisogna sfatare il mito errato che quando si è incinta bisogna mangiare per due: non è affatto vero che una donna se incinta può darsi al cibo in maniera incondizionata, anzi è proprio il contrario! Per tutelare la salute proprie e del feto, la donna non deve cedere agli eccessi e deve condurre una dieta equilibrata per salvaguardarsi, ecco perché ora vi spiegheremo perché non bisogna più approfittare delle vecchie dicerie sulle donne incinta.

Come tutelarsi in gravidanza

Ora facciamo un appello ufficiale a mo’ di ‘arrotino’: “Donne, basta con le vecchie credenze sulla gravidanza! Per tutelare la propria salute e quella del bambino mangiate bene!”. ormai è questa la realtà: la donna nemmeno in gravidanza, ovvero durante l’unico periodo della vita in cui eravamo convinte che le diete ci facessero un baffo, può concedersi uno sgarro alimentare. Se, come crediamo, ci tenete più alla salute del piccolo dentro di voi che alla vostra, allora dovete fare le brave, e rinunciare per sempre alla vecchia credenza che quando si aspetta si può e si deve mangiare per due perché non è così! Durante i mesi di gestazione, la futura mamma e il feto devono condurre un’alimentazione, se non scientificamente approvata, almeno povera di grassi e di zuccheri.

Lo dico ad alta voce anche tutti i medici quando affermano di concordare nella prescrizione e raccomandazione di un regime alimentare che sia realmente sano ed equilibrato e che non faccia metter su chili non calcolati precedentemente alla mamma, in quel caso forse la mammina si è divertita a sgarrare un pochino! È anche per questo che oggi le donne incinta che si vedono, pancia a parte, restano magrissime, perché rispettano una dieta alimentare prestabilita dal proprio medico e la seguono in toto senza sgarrare. Diciamo che almeno la presenza del feto incoraggia a non sgarrare perché si è responsabili della vita che si sviluppa dentro di sé e sinceramente a nessuna futura mammina potrebbe saltare in mente di comprometterla solo per un hot dog succoso!

Quanti chili prendere nei 9 mesi?

Quindi, animo mammine e rivolgetevi al vostro nutrizionista di fiducia nel momento in cui sapete di aspettare così vi abituerete già dall’inizio al nuovo regime alimentare, che possiamo dirvi non sarà così ‘tosto’ come presupposto, ma potrebbe riservare delle sorprese anche piacevoli! Naturalmente la dieta è per nutrire sia mamma che feto e per far arrivare al bambino tutti i nutrienti di cui ha bisogno per crescere sano e forte nel ventre della mamma, tanto ci penseranno i nonni, una volta nato, a viziarlo anche nel cibo. La dieta neonatale serve anche per non complicare la gravidanza nel caso la mamma già di per sé soffrisse di qualche intolleranza o carenza: per esempio, molti sono i medici che si sono ritrovati a dover integrare nella dieta delle gestanti vitamine e Sali minerali o ferro e calcio che, nonostante l’alimentazione ugualmente corretta condotta dalle mamme, non riuscivano a essere assimilati dal feto.

L’alimentazione del nutrizionista però, serve anche a evitare di metter su troppi chili: un chilo al mese o ogni due mesi è accettabile, ma quando i chili ogni due mesi sono tre allora bisogna intervenire per forza. Ricordatevi che aumentare di quindici se non di venti chili vi fa star male e fa star male anche il feto che vive dentro di voi impedendogli un regolare sviluppo, per questo è preferibile aggirarsi intorno ai nove chili in più, ovvero giusto un chilo per ogni mese di gravidanza. infatti non è proprio l’ideale, anzi, bisognerebbe subito correre ai ripari se ciò accadesse, proprio perché si andrebbe a compromettere il regolare sviluppo del feto. In genere è consigliabile fare attenzione a non prendere più di nove o al massimo undici chili complessivi durante tutto l’arco della gravidanza